RASFF – Il sistema di allerta rapido per alimenti, mangimi e MOCA

Autore: Gianni Maragna

Maggio 16, 2022

RASFF – Il sistema di allerta rapido per alimenti, mangimi e MOCA


Il Regolamento definisce – art. 50 – il RASFF come “un sistema di allarme, sotto forma di rete, per la notifica di un rischio diretto o indiretto per la salute umana dovuto ad alimenti o mangimi.”

Alcuni Regolamenti successivi, del 2004 e del 2005, hanno esteso l’utilizzo del sistema anche ai rischi legati ai MOCA – Materiali e Oggetti a Contatto con Alimenti – e ai mangimi per animali.

I membri della rete che prendono parte al RASFF, chiamati anche punti di contatto, sono:

  • la Commissione Europea, che gestisce il sistema
  • gli Stati membri dell’UE
  • l’Autorità europea per la sicurezza alimentare – EFSA
  • l’Associazione europea di libero scambio – EFTA – formata da Stati che non sono membri dell’UE, ossia Norvegia, Svizzera, Islanda e Liechtenstein.

Grazie a questo sistema di allerta rapido, i punti di contatto che ne fanno parte possono comunicare e condividere in tempo reale le informazioni. Infatti, il RASFF è attivo 24 ore su 24 per garantire che le notifiche siano inviate e ricevute collettivamente, e in maniera efficiente.

I membri della rete scambiano queste comunicazioni tramite la piattaforma online iRASFF, a cui possono accedere per attivare o leggere le notifiche caricate da altri Paesi.

Il sistema di notifica RASFF viene attivato dalle autorità competenti in seguito all’accertamento, e in alcuni casi al sospetto, di una non conformità.

In base al rischio per la salute umana animale o ambientale, correlato alla non conformità, potranno essere attivate diverse tipologie di notifiche, descritte di seguito

Le notifiche di allerta vengono inviate quando un alimento, un mangime o un MOCA che rappresenta un grave rischio per la salute è sul mercato, e quando è necessaria un’azione rapida in un paese diverso da quello notificante.

prodotti oggetto di una notifica di allerta devono essere ritirati o richiamati dal mercato nel minor tempo possibile, secondo quanto previsto dal Regolamento (CE) 178/2002.

Autore: Gianni Maragna

Laureato in Scienze Forestali, iniziò il mio lavoro progettando percorsi naturalistici. Nel 1994 con l'avvento del D.Lgs. 626/94 inizio ad aprire un nuovo servizio grazie all'aiuto di altri amici che operano nel settore della prevenzione infortuni. Nel 1996 mi specializzo nel settore della certificazione di qualità con tesina di studio inerente al settore HACCP. Dal 2000 mi specializzò nel settore della Sicurezza nei Cantieri Edili, iniziando a ricoprire il ruolo di Coordinatore, inoltre nello stesso anno acquisisco la qualifica di tecnico della prevenzione incendi. Non accontentandomi mai, sempre nello stesso anno acquisisco la qualifica di tecnico competente in acustica e mi iscrivo al primo Master in Sicurezza sul Lavoro.

Articoli correlati

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Hai ancora dei dubbi?

contattaci tramite questo form per avere maggiori informazioni o richiedere il tuo check-up gratuito

Privacy

4 + 11 =