EQUIPARAZIONE VIDEOCONFERENZA E FORMAZIONE IN PRESENZA

Autore: Gianni Maragna

Maggio 31, 2022

EQUIPARAZIONE VIDEOCONFERENZA E FORMAZIONE IN PRESENZA


E’ stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge n.52 del 19 maggio 2022 recante disposizioni urgenti per il superamento delle misure di contrasto alla diffusione dell’epidemia da COVID-19, in conseguenza della cessazione dello stato di emergenza.
La nuova legge introduce una novità con riguardo alla formazione in materia di salute e sicurezza con l’equiparazione videoconferenza e la formazione in presenza.
Il nuovo articolo 9-bis sancisce che “la formazione obbligatoria in materia di salute e sicurezza sul lavoro può essere erogata sia con la modalità in presenza sia con la modalità a distanza, attraverso la metodologia della videoconferenza in modalità sincrona, tranne che per le attività formative per le quali siano previsti […] un addestramento o una prova pratica, che devono svolgersi obbligatoriamente in presenza“.

Il nuovo articolo chiarisce che i corsi di formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro, nei casi in cui non siano previsti addestramento o prove pratiche, possono essere svolti sia in aula in presenza che in Videoconferenza (FAD sincrona).
Precisiamo che Videoconferenza (FAD sincrona) e E-Learning (FAD asincrona) non sono sinonimi ma sono due modalità di erogazione della formazione diverse.


La Videoconferenza (FAD sincrona) consente l’interazione sincrona in quanto il docente e i partecipanti sono collegati “in diretta” mentre nell’’E-Learning (FAD asincrona) non è necessaria la compresenza temporale di formatore e partecipanti.

La norma demanda ad un nuovo accordo, che dovrà essere emesso entro il 30 giugno 2022 con l’accorpamento, la rivisitazione e la modifica dei suddetti accordi già adottati in materia di formazione sulla salute e la sicurezza sul lavoro; il nuovo accordo deve in ogni caso comprendere l’individuazione:
⦁ della durata, dei contenuti minimi e delle modalità della formazione obbligatoria a carico del datore di lavoro;
⦁ delle modalità della verifica finale di apprendimento, obbligatoria per i discenti di tutti i percorsi – formativi e di aggiornamento – obbligatori in materia di salute e sicurezza sul lavoro, e delle modalità delle verifiche di efficacia della formazione durante lo svolgimento della prestazione lavorativa.

Autore: Gianni Maragna

Laureato in Scienze Forestali, iniziò il mio lavoro progettando percorsi naturalistici. Nel 1994 con l'avvento del D.Lgs. 626/94 inizio ad aprire un nuovo servizio grazie all'aiuto di altri amici che operano nel settore della prevenzione infortuni. Nel 1996 mi specializzo nel settore della certificazione di qualità con tesina di studio inerente al settore HACCP. Dal 2000 mi specializzò nel settore della Sicurezza nei Cantieri Edili, iniziando a ricoprire il ruolo di Coordinatore, inoltre nello stesso anno acquisisco la qualifica di tecnico della prevenzione incendi. Non accontentandomi mai, sempre nello stesso anno acquisisco la qualifica di tecnico competente in acustica e mi iscrivo al primo Master in Sicurezza sul Lavoro.

Articoli correlati

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Hai ancora dei dubbi?

contattaci tramite questo form per avere maggiori informazioni o richiedere il tuo check-up gratuito

Privacy

3 + 2 =